Le previsioni della CIA

CIA Report: Israele crollerà nel giro di 20 anni

Uno studio condotto dalla CIA (Central Intelligence Agency) ha sollevato dubbi sulla sopravvivenza di Israele oltre i prossimi 20 anni.
Il documento della CIA pronostica “un movimento inesorabile, che allontana la soluzione a due-stati, verso quella ad un-unico stato come il modello più proficuo fondato su principi di democrazia e di piena eguaglianza, che si sbarazzi dello spettro che si profila preoccupante di una apartheid coloniale e che consenta il ritorno dei profughi del 1947/1948 e del 1967. Quest’ultima è la  pre-condizione per una pace sostenibile nella regione.” 
Per di più, lo studio, che è stato messo a disposizione solamente di un certo numero selezionato di personaggi, prevede il ritorno di tutti i profughi Palestinesi verso i territori occupati, e l’esodo di due milioni di Israeliani – che dovrebbero migrare negli Stati Uniti nei prossimi quindici anni.

Vi sono più di 500.000 Israeliani con passaporto Americano e più di 300.000 vivono ora proprio nel territorio della California”: ha affermato il giurista internazionale Franklin Lamb in un’intervista rilasciata a “Press TV” venerdì 6 marzo, aggiungendo che quelli che non sono in possesso di un passaporto Americano od occidentale si sono già azionati al riguardo.
Lamb ha sottolineato: “Per questo ritengo che almeno per l’opinione pubblica Israeliana  il destino sia segnato…fatto che comporta che prima o poi la storia rigetterà l’avventura coloniale di Israele.
Egli ha dichiarato che la CIA nel suo documento, alludendo all’inattesa ma rapida caduta del governo di  apartheid in Sud Africa e facendo riferimento alla disintegrazione dell’Unione Sovietica nei primi anni Novanta, suggerisce che la fine del sogno di una “terra di Israele” dovrebbe avvenire quanto prima.

Inoltre, lo studio prevede il ritorno di oltre un milione e mezzo di Israeliani verso la Russia e verso altre parti di Europa, e sottolinea con evidenza il declino delle nascite di Israeliani e nel contempo l’aumento progressivo della popolazione Palestinese.
Inoltre Lamb ha sottolineato come, data la condotta di Israele nei confronti dei Palestinesi e della striscia di Gaza in particolare, l’opinione pubblica Americana, che negli ultimi 25 anni non ha mai elevato le sue proteste contro le misure di Tel Aviv, potrebbe ora “non farlo più”.
Molti membri della Commissione sui Servizi Informativi del Senato degli USA sono stati messi al corrente del documento.

by Press TV

(Elaborazione, traduzioni e commento di Curzio Bettio di Soccorso Popolare di Padova)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: