Intervista a Gilles Devers

Da Il Manifesto del 10 Marzo l’intervista realizzata da Michelangelo Cocco a Gilles Devers, avvocato di cui già riportammo un contributo.

DIRITTI UMANI . L’atto d’accusa delle ong: un’inchiesta internazionale per i massacri di Gaza

«Adesso processiamo Tel Aviv»

CRIMINI DI GUERRA Parla l’avvocato Devers, rappresentante all’Aja dell’istanza di centinaia di organizzazioni non governative che si sono costituite per portare alla sbarra l’esecutivo Olmert: procedimento necessario perché tutti gli stati comprendano che l’ordine mondiale non può essere fondato su dei crimini contro l’umanità Il procuratore della Corte penale internazionale Ocampo: indagine possibile
«Esiste una possibilità che ciò accada». Così l’altro ieri Luis Moreno Ocampo sulla possibilità di aprire presso la Corte penale internazionale (Cpi) un’inchiesta su «crimini di guerra» e «crimini contro l’umanità» nei confronti d’Israele per i massacri di palestinesi perpetrati durante l’operazione «Piombo fuso» a Gaza. Si tratterebbe di una rivoluzione, perché – ha sottolineato Perfil, il domenicale di Buenos Aires che ha riportato le dichiarazioni di Ocampo – sarebbe la prima volta che un organismo internazionale riconosce l’Autorità palestinese (Anp) come «stato indipendente». «Stiamo valutando la questione – ha aggiunto Ocampo – siamo in una fase di analisi».
L’avvocato Gilles Devers è il legale rappresentante presso la Corte dell’istanza di centinaia di organizzazioni non governative (ong) e associazioni che si sono costituite contro i crimini di guerra. Con Devers – ieri a Roma per illustrare l’iniziativa giuridica della società civile internazionale promossa in Italia dal Network degli Artisti italiani e lanciata dalla Rete dei Traduttori per la diversità linguistica Tlaxcala – abbiamo discusso del procedimento.

Avvocato Devers, può spiegarci come è nata la vostra iniziativa?

Gilles Devers parla alla conlusione di un corteo francese di solidarietà verso Gaza

Gilles Devers parla alla conlusione di un corteo francese di solidarietà verso Gaza

Si tratta di un’iniziativa militante, portata avanti da oltre 350 associazioni – europee, africane, mediorientali e sudamericane – testimoni dell’offensiva «Piombo fuso» contro la Striscia di Gaza. Il 22 gennaio abbiamo depositato la denuncia per «crimini di guerra» e «crimini contro l’umanità» presso La Corte penale internazionale (Cpi). Lo stesso giorno – questo è un elemento molto importante per la procedura – l’Autorità palestinese (Anp) ha dato competenza alla Cpi. Se gliel’avesse negata, solo un intervento del Consiglio di sicurezza dell’Onu avrebbe potuto obbligare la Cpi a indagare, come è avvenuto nel caso del Sudan. Cosa che però nel nostro caso sarebbe stata impossibile, per il veto che sicuramente avrebbero opposto gli Stati Uniti. Per questo prima le organizzazioni non governative (ong) hanno deciso di costituirsi come testimoni del crimine. Poi l’Anp – con un accordo politico tra Hamas e Fatah – ha riconosciuto l’autorità della Cpi Il procuratore Ocampo ha chiesto chiarimenti tra cui quello su chi rappresenti lo Stato a Gaza. A quel punto c’è stata una seconda visita all’Aja, da parte dell’ambasciatore, del ministro della giustizia e degli esteri palestinesi, per riunire tutti gli elementi e mostrare che l’Anp rappresenta il popolo palestinese e che se la Cpi invierà ispettori a Gaza, saranno ben accolti.

Ma Israele non è firmatario del Trattato di Roma che nel 1998 istituì la Cpi: ciò non inficia il procedimento?
La Cpi agisce nell’ambito del diritto penale, cioè della ricerca del criminale X, Y, o Z. Si occupa prima di tutto dei fatti: dove è stato commesso il crimine? A Gaza, e l’Autorità palestinese le ha dato competenza, dunque il la Corte può indagare a Gaza. Ci sono ancora dei dettagli da esaminare, ma credo si tratti di problemi superabili.

Perché rivolgersi alla Cpi e non alle giurisdizioni nazionali, come avvenuto in passato per altri massacri a Gaza?
Ci rivolgeremo anche ai giudici di singoli stati: all’inizio di aprile depositeremo a Madrid un dossier su un astrofisico della Nasa che lavora negli Stati Uniti ma ha famiglia nella Striscia. La sua abitazione era conosciuta da tutti i bambini di Gaza, alcuni dei quali hanno imparato a osservare le stelle col telescopio che aveva istallato sul tetto. Il figlio di questo signore è rimasto ucciso a causa del bombardamento della sua casa da parte dall’aviazione israeliana. Ci sono tanti altri casi simili. Faremo altre denunce, presso altre corti, in relazione alla nazionalità delle vittime. Cercheremo di presentare denunce in tutti e 47 i paesi del Consiglio d’Europa che dipendono dalla Convenzione Ue sui diritti dell’uomo.

L’ex presidente della Cpi Antonio Cassese, ha detto che la Corte «può svolgere un’azione efficace solo con la cooperazione degli stati» e che «la giustizia internazionale deve essere prudente e saggia, altrimenti rischia di essere considerata poco credibile».
La cooperazione c’è nel momento in cui 110 stati hanno firmato la ratifica della Cpi. Susan Rice, la rappresentante dell’Amministrazione statunitense presso l’Onu, nel suo discorso d’investitura ha dichiarato che la Corte è uno strumento degno di stima. Utilizziamo la procedura prevista dal Trattato di Roma e quindi non vedo rischi di minare la credibilità della Corte. Se la procedura divenisse d’ostacolo alla pace – nel caso domani si palesasse un accordo politico ed economico – il Consiglio di sicurezza avrebbe il potere di sospenderla per un anno (rinnovabile). La giustizia deve fare il suo corso affinché Israele e tutto il mondo comprendano che l’ordine mondiale non può essere fondato su dei crimini contro l’umanità.

Quali indizi di «crimini di guerra» e «crimini contro l’umanità avete raccolto?
Anzitutto una distinzione: i primi fanno riferimento a violazioni delle protezioni stabilite per i civili dalle leggi di guerra, i secondi a un crimine di guerra sistematico in cui, attraverso mezzi militari, si prende di mira la popolazione civile. Ad esempio, il primo giorno di guerra (il 27 dicembre 2008, ndr) è stato dato un ordine di bombardamento, per quaranta caccia, alle 11,30, l’ora in cui i bambini a Gaza escono da scuola. Chi ha impartito quelle istruzioni sapeva che avrebbe ucciso dei bambini. I morti infatti il primo giorno sono stati oltre 200. Ancora, decine di abitanti di un quartiere erano stati rinchiusi in una scuola che il giorno dopo è stata bombardata: questo è un crimine contro l’umanità. Poi l’uso delle munizioni al fosforo bianco in pieno giorno e su aree densamente popolate, il che implica l’intenzione di bruciare e mutilare il maggior numero possibile di persone. C’è ancora nel nostro dossier una cosa che non impressiona come il sangue ma che è altrettanto drammatica: durante «Piombo fuso», il 30% dei terreni di Gaza è stato devastato con i bulldozer.

Per evitare che l’esercito sia danneggiato dai processi il governo israeliano ha proibito ai militari che hanno partecipato a «Piombo fuso» di farsi intervistare e fotografare. Come identificarli?
Bisogna anzitutto stabilire i fatti, attraverso le testimonianze delle vittime e gli indizi raccolti, poi eserciteremo una forte pressione su Israele. Israele non è un blocco monolitico, ci sono giovani, soldati, giornalisti che ritengono che quello che è stato fatto a Gaza sia abominevole. Diremo a Israele: avete una coscienza, aiutateci a processare i criminali. Inoltre la Cpi ha dei mezzi di pressione, strumenti per indagare e raccogliere testimonianze. E se l’inchiesta dovesse morire perché non saranno stati trovati i responsabili materiali, avremmo comunque dimostrato che ci sono stati dei crimini. Dopo l’azione penale, arriverà quella civile. Israele può nascondere i suoi ufficiali e i suoi ministri, non se stesso.

Come si fa a evitare, nel caso del vostro procedimento, accuse di antisemitismo come quelle già rivolte alla conferenza di Durban II?
Penso che l’azione giuridica debba essere ben distinta da quella politica. Per non cadere nell’antisemitismo mentre si porta avanti una causa contro Israele è necessario mettere sul tavolo delle prove. Antisemitismo vuol dire generalizzare: Israele, gli ebrei. Questo non è il nostro punto di vista. Se si generalizza, possono sorgere tanti fraintendimenti. Se ci si rifà alla realtà giudiziaria, il discorso diventa chiaro. Bisogna analizzano insomma i fatti, mettendo da parte le ideologie. Ma se non accetterà il confronto, sarà Israele a sollevare il vento dell’antisemitismo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: